La birra ecosostenibile arriva dalla Danimarca ed è molto particolare…

C’è una famosa frase di Benjamin Franklin che afferma:

La birra è la prova che Dio esiste e vuole che siamo felici.

Come dargli torto? Avanti ad un boccale di birra tutti i malumori svaniscono e diventiamo improvvisamente tutti amici, dimenticando divergenze e favorendo l’aggregazione sociale.

Da sempre, fin dall’antichità, l’alcol, e in particolare la birra, è stato un collante sociale molto potente: tutte le popolazioni hanno la loro ricetta della birra perfetta. Alcune sono più famose di altre, certo, ma più o meno tutti i Paesi del mondo hanno una birra dal sapore unico nel suo genere.

In certi Paesi, come quelli del nord Europa, ad esempio, una pinta di birra dopo il lavoro è quasi un rito.

Per essere prodotta in massa, tuttavia, la birra richiede delle risorse naturali di non poco conto: basti pensare alla quantità di malto d’orzo che serve per produrre un barile e moltiplicarla per milioni di barili venduti ogni anno.

Per questa ragione, l’agricoltura legata alla birra è diventata sempre più intensiva e mira a sfruttare i terreni fino a spremerne il massimo ricavabile per poi abbandonarli quando questi diventano improduttivi.

L’idea della casa danese Norrebro Bryghus, riportata sul sito Zoomgossip invece, mira a limitare lo sfruttamento intensivo dei terreni, con un concime naturale molto particolare: l’urina umana!

Questa idea quantomeno insolita viene dal fatto che nei festival danesi viene prodotta tantissima urina, che una volta entrata in contatto con la natura causa diversi problemi. Raccogliendola e lavorandola, invece, se ne possono ricavare litri e litri da poter usare come concime nei campi di orzo. Non solo basta per la produzione di birra, ma addirittura può aiutare anche altri agricoltori delle zone circostanti.

La domanda è: l’idea ha avuto successo? Apparentemente sì: chiarito l’equivoco iniziale per il quale molti pensavano che venisse venduta urina filtrata come birra, in molti la stanno acquistando e ne hanno dato feedback positivi.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*